Tarocchi di Crowley: L’Equilibrio


tarocchi crowley equilibrioNon ci sono tante parole da usare per descrivere questo Arcano, già il termine stesso di Equilibrio indica quali sono le sue funzioni. C’è, però, anche da considerare il fatto che l’Equilibrio è un ponte di collegamento tra due Arcani in particolare, nel vasto mondo dei Tarocchi di Crowley.

Si tratta semplicemente della Sacerdotessa e del Mago. Si ottiene così un ragionamento di questo genere: Passività (Sacerdotessa) – L’Equilibrio – Azione (Mago). Questo ponte di collegamento possiamo vederlo come un importante punto di contatto anche per quanto riguarda le nostre azioni quotidiane. In effetti l’altro nome che viene usato per l’Equilibrio è quello di Giustizia. Questo termine mette in chiaro il simbolismo dell’Equilibrio, infatti la Giustizia è quella che regolamenta tutto nella nostra vita, così come si può trovare un equilibrio ben preciso quando tutto quello che facciamo ha un suo ordine e delle sue regole.

Un altro aspetto importante dell’Equilibrio è il suo ruolo di mediatore, quello che permette di accettare quello che facciamo e il ruolo che svolgiamo nella nostra vita. Nel momento in cui accettiamo il nostro status, entra in azione l’Equilibrio, con il suo sinonimo di essere onesti e corretti nella vita di tutti i giorni.

Nel suo aspetto di Azione l’Equilibrio punta propriamente a un’armonia tra la realtà concreta, quella dei fatti, quella della nostra vita quotidiana di tutti i giorni e i nostri istinti, quegli stessi istinti che ci spingono a compiere delle determinate azioni senza ragionarci sopra prima di compierle. Questo ovviamente porta in superficie anche il fatto che l’Equilibrio rappresenti l’essere obiettivi, il ragionare prima di fare qualcosa, il raziocinio. Possiamo semplicemente dire che l’Equilibrio è l’Arcano che mette in luce il bisogno di essere razionali e corretti con noi stessi prima di mettere in atto determinate scelte, che potrebbero correre il rischio di nuocerci in maniera anche grave.


Nel suo aspetto di Luce possiamo vedere come l’Equilibrio proprio come nel suo aspetto di Azione, ci dica di dover ricorrere al raziocinio, al discernimento e soprattutto all’essere equi e corretti, per poter comprendere al meglio tutte le situazioni che ci troviamo davanti. Questo processo di equilibrio deve esclusivamente passare tramite un processo di discernimento che ci porta a mettere in atto il fatto che bisogna distinguere tra le cose prima di cominciare una valutazione e quindi prendere una decisione.

Nel suo aspetto di Ombra, l’Equilibrio porta in risalto il fatto che ci troviamo davanti a una situazione in cui emerge la nostra presunzione. Siamo presuntuosi, ci crediamo i migliori e pensiamo di essere infallibili. Il lato oscuro dell’Equilibrio è proprio la sua stessa negazione, non c’è nessun tipo di Equilibrio, ci riteniamo superiori a tutto e a tutti, la nostra posizione è sempre quella giusta, anche quando in realtà non lo è. Tutto questo ci porta a considerare il fatto che quando ci troviamo davanti a delle situazioni specifiche il nostro punto di vista è sempre quello giusto e non ascoltiamo quello degli altri. Questa presunzione mina tutte le relazioni esterne.

Nello Zodiaco l’Arcano dell’Equilibrio trova il suo posto nel segno zodiacale della Bilancia, e connesso quindi anche all’Elemento Aria. Il segno zodiacale della Bilancia ovviamente è quello più azzeccato per raffigurare l’Equilibrio, con i suoi due pesi. In astronomia possiamo collegare l’Equilibrio con Saturno e i suoi anelli, che ha un suo legame con l’equilibrio e la giustizia. Nella Cabala e quindi nell’Albero della Vita l’Equilibrio può trovare il suo collocamento nel canale che collega Gevurah con Tiphereth. Per quanto riguarda la numerologia, il numero 8 che troviamo collegato all’Equilibrio è il doppio del numero 4 e di conseguenza costituisce un punto chiaro e ben saldo nella giustizia e nella sua regolamentazione.



Leggi anche