Cartomanzia: tecnica anatomica


tecnica anatomica nella cartomanzia

La tecnica anatomica nella cartomanzia è stata ideata da J.L. Nuang, un famoso occultista, nonché autore di vari libri sulla divinazione. Questa tecnica definita “anatomica”, prende in considerazione di avere un’idea della vita di chi consulta le carte, proprio partendo dal presupposto del corpo. Infatti come si può notare in questa tecnica divinatoria, eseguita con i tarocchi, le carte formano un corpo umano stilizzato, che ricorda alla lontano il famoso uomo vitruviano di Leonardo Da Vinci.

Ma come si esegue questa tecnica? Innanzitutto occorre mischiare le carte, spaccare il mazzo in due e tirare fuori dal mazzo nove carte. Le carte 1, 2, 3, 4 andranno a formare una croce, mentre le carte 5, 6, 7, 8 vengono collocate in basso, partendo ovviamente dalla carta numero 2, che è quella centrale. Per ultima viene collocata alla base dell’intera anatomia la carta numero 9. Posizionate in questo modo tutte e nove le carte, si può cominciare a leggere le carte nel seguente ordine.


  • Carta 1 : rappresenta la testa di chi consulta, quindi indica la psicologia e il carattere.
  • Carte 3 e 4 : raffigurano le braccia, quindi in un certo senso vediamo in esse come si pone l’uomo nei confronti del mondo esterno.
  • Carta 2 : raffigura esattamente il cuore di chi consulta, quindi le emozioni, i sentimenti, il proprio mondo intimo.
  • Carte 5, 6, 7, 8 : raffigurano le gambe, quindi indicano in un certo senso la possibilità di mettersi in moto verso i propri successi, verso le proprie possibilità nel mondo concreto e reale. Occorre però tenere in considerazione che le seguenti carte sono disposte in modo da destare un chiaro concetto. Le carte 5 e 6, indicano gli aspetti negativi, mentre al contrario le carte 7 e 8, indicano gli aspetti positivi e favorevoli al consultante.
  • Carta 9 : si trova alla base della figura stilizzata e indica la vita sessuale e la salute di chi consulta.


Leggi anche