Lotto: abitudini e superstizioni del giocatore


L’Italia è un paese di Santi, poeti, navigatori…e giocatori incalliti. Dai gratta e vinci ai video pocker, il popolo italico è da sempre attratto dal gioco d’azzardo, legale o meno. Di tutti i giochi, però, quello più diffuso è sicuramente il Lotto, al quale da qualche anno si è aggiunto il 10eLotto. Tutti concentrati su quei 90 numeri intorno ai quali ruota il gioco, molto semplice nelle regole, un po’ nelle probabilità di vincita. Si, perché il luogo comune secondo il quale più punti più vinci è scientificamente smentito dai fatti. Spesso, infatti, raggiungono la gloria mediatica persone che con una puntata di un euro si sono ritrovati a vincere premi milionari.

Lotto

 

In questi casi, i giocatori più assidui e appassionati, che spendono e spandono patrimoni nella speranza di dare una svolta alla propria vita, non la prendono molto bene. E come biasimarli. Se ci si mette nei loro panni, è alquanto comprensibile l’amarezza e la delusione. Il drammaturgo napoletano Eduardo De Filippo è riuscito, nell’opera “Non ti pago” a raccontare perfettamente la rabbia e l’invidia che si prova nei confronti del vincitore, in particolare quando nella propria testa si è conviti che quella posta in palio fosse in realtà destinata a sé. Nei paesi del Sud, il lotto si fonde con il folklore, le superstizioni, il fato, il destino, e l’onirico. Sono migliaia le persone che ogni giorno vanno a puntare denaro sui numeri dettati in sogno da un parente deceduto, o declinando in numeri fatti e avvenimenti, basandosi sulla famosa “Smorfia” napoletana, che nella città campana è una scienza esatta. Secondo la smorfia, ogni parola, nome, oggetto o movimenti corrispondono sempre a dei numeri.

Per i meno esperti, (pochi in Italia) il gioco del lotto prevede tre estrazioni settimanali – martedì, giovedì e sabato – effettuate su undici ruote, che corrispondo alle città italiane più importanti: Bari, Cagliari, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino, Venezia e Nazionale. Su ogni ruota vengono estratti 5 numeri, tra l’uno e il novanta, e si vince centrando uno di questi risultati: ambo, ovvero due numeri estratti nella ruota sulla quale si è giocato, terno, con tre numeri, la quaterna, quattro numeri estratti, la cinquina, cinque numeri. L’estrazione del lotto, fino a qualche tempo fa, era trasmessa in diretta televisiva. Ma oggi basta accendere il computer, andare nei siti specializzati come estrazionidellotto.it, e abbiamo la possibilità di conoscere in maniera tempestiva se sono usciti i nostri numeri vincenti.


Vincere non è per niente facile, anche perché le probabilità di vincere secondo le statistiche sono davvero poche. Le possibilità che un singolo numero venga estratto è pari a 1 su 18, e anche senza essere un matematico è abbastanza facile capire cosa questo voglia dire. Negli anni il modo di giocare da parte dei più incalliti si è evoluto e affinato, sfruttando una serie di teorie pseudo-scientifiche in base alle quali si scelgono i numeri su cui puntare. Teoria dei numeri ritardatari, sistemoni, numeri frequenti, e tante altre strane convinzioni alle quali affidare le proprie probabilità di vincita.

Estrazioni Lotto

Oltre a essere un popolo di giocatori, gli italiani sono anche molto superstiziosi. Ognuno ha il proprio oggetto porta fortuna, la sequenza di numeri fortunati, il punto lottomatica nel quale giocare, gesti, posizioni, e tante altre stranezze, alcune al limite dell’incredibile. Infondo, quando si ripongono speranze per migliorare il proprio tenore di vita a dei numeri, affidarsi alla superstizione è normale. E pazienza se si rischia di diventare ridicoli assumendo comportamenti a dir poco strani. Purtroppo, i giocatori molto spesso non riescono a stabilire dei limiti oltre i quali non andare, finendo con il diventare ludopatici, ovvero dipendenti dal gioco d’azzardo. In Italia, la diffusione di giochi autorizzati dallo stato sempre più reclamizzati – come il 10eLotto, il Superenalotto, il WinForLife, ecc… – ha attratto un numero sempre maggiore di persone, anche molto giovani, generando un circolo vizioso che pare non avere mai fine. Giocare può essere divertente, e se si è fortunati può cambiarci la vita, ma può anche distruggercela, quindi attenzione. Giocate con moderazione.



Leggi anche