Smorfia Napoletana, dal Giardino (51) al Lamento (60)


Numero 51, il giardino. Una antica tradizione popolare indica il giardino come il simbolo delle grazie femminili e della gioia che da queste può provenire. Ma nei sogni il giardino rappresenta l’immagine della vita interiore del sognatore. Il luogo dove avvengono i cambiamenti, e dove risiedono le emozioni ed i sentimenti. Così se il giardino è bello e rigoglioso rappresenta la felicità mentre se sarà arido e spoglio indica tristezza e preoccupazione.

Numero 52, la mamma. La mamma è la persona più cara per ognuno di noi. Nei sogni rappresenta il legame per eccellenza. Può essere di sostegno e di aiuto, ma anche di giudizio e disapprovazione. Questa figura rappresenta l’amore incondizionato, la sicurezza, la responsabilità e lo spirito di sacrificio.

Numero 53, il vecchio. Ecco un’altra figura emblematica che non poteva mancare nella smorfia dei napoletani. Il vecchio, la persona anziana, che sia un parente o meno, riporta nel suo aspetto al concetto di fragilità ed impotenza, ma anche di autorevolezza ed esperienza. La sua immagine porterà a riflettere sulla tradizione e sulle radici familiari, sul bagaglio di conoscenza e di esperienze, sul tempo che passa e sull’avvicendarsi delle generazioni.

Numero 54, il cappello. Che sia il cappellino stiloso di una donna o il vecchio copricapo di un uomo, il cappello esprime la volontà di nascondere pensieri e sentimenti, di sfuggire agli altri, impedendo così di frugare nei pensieri più profondi dell’essere.

Numero 55, la musica. Qui il riferimento tradizionale è alla musica allegra e folcloristica dei musicanti di strada. La musica porta con sé lo stupore e la meraviglia nel sognatore, è in grado di muovere sentimenti ed emozioni. Sognare la musica indica un modo di aprirsi al mondo gioioso e lieto che può portare al cambiamento.


Numero 56, la caduta. La legge di gravità porta l’uomo a stare saldamente attaccato al terreno. Cadere al contrario di volare, che rappresenta la voglia di libertà, porta con sé timore e spavento. Cadere, scivolare, precipitare nel vuoto, sono azioni che nella vita reale come nei sogni provocano molto spavento. Spesso riflettono ansie e paure del sognatore rispetto a qualcosa che teme di perdere o a qualcosa che non si riesce ad affrontare.

Numero 57, il gobbo. Il gobbo, è una figura benevola e di buon auspicio. Va da sé che nell’immaginario popolare partenopeo e non solo, toccare la gobba sia un portafortuna. Oltre ad essere di buon augurio, il gobbo nei sogni indica il raggiungimento del benessere economico.

Numero 58, il regalo. Ricevere doni e regali è una situazione gratificante e piacevole non solo nei sogni. Il dono rispecchia un messaggio, un rimedio, un aiuto o la realizzazione di un desiderio. Ricevere un regalo in sogno porta con sé novità e speranze.

Numero 59, i peli. Nella smorfia i peli identificano sia i capelli sia i peli del petto. Sono intesi come simbolo di forza e giovinezza e quindi hanno una forte valenza positiva. Se si sogna di essere ricoperti di peli è presagio di buona salute.

Numero 60, il lamento. In questo caso si tratta di lamenti motivati, la conseguenza di un dolore. Non sono da ritenersi inclusi i pianti immotivati o quelli capricciosi dei bambini. Questo tipo di sogno non è ricorrente e porta con sé una forte valenza simbolica. L’etimologia stessa del lamento è legata all’espressione di un dolore fisico o morale. Ed è questo dolore che emerge nel sogno che bisogna individuare ed affrontare.